Loading...

Treno deragliato a Lodi, le immagini dal drone

  • 🎬 Video
  • ℹ️ Description
Nel video le immagini dal drone girate il giorno dopo l'incidente ferroviario avvenuto ieri mattina. Il treno Frecciarossa Av 9595 Milano-Salerno è deragliato sulla linea alta velocità nei pressi di Ospedaletto Lodigiano, in provincia di Lodi: due i morti, entrambi ferrovieri, 31 i feriti. Al momento dell'incidente il treno andava a 290 km/h, alla massima velocità prevista, e a bordo c'erano 28 passeggeri in tutto, oltre al personale di Trenitalia

Download — Treno deragliato a Lodi, le immagini dal drone

Download video
💬 Comments on the video
Author

Ma non si sente un cazzo mannaggia la sacra sindone

Author — Haze

Author

Che bella stampa e TV di di chiacchiere ..di far capire che e stato deviato su un binario MORTO DICO MORTO....un

Author — M P

Author

Fra un po le riprese le faranno sulla luna.... avvicinarsi?

Author — mario fracchia

Author

Incredibile! si vede benissimo( per chi sa che cosa sia un deviatoio (detto anche scambio), che esso è stato interessato non dalla sostituzione totale; infatti si vede che la massicciata, del telaio non è stata rimossa per una nuova posa, ma si vede che è stato solo interessato da una parte di esso. 
Sembra che sia stato sostituito solo una parte del ferro nella zone del cuore e della controrotaia sul corretto tracciato (binario di corsa)che tuttavia non si vede, forse strappata per il contraccolpo ricevuto dal locomotore nella deviata del deviatoio che dovrebbe essere di 250 mt di raggio di curvatura e che è da impegnarsi alla velocità massima di 30 km/h sul ramo deviato.
La cosa inverosimile è che si tratta di un deviatoio il cui telaio degli aghi è azionato e controllato da una cassa di manovra elettrica, che quindi è inserita nel controllo di sicurezza a distanza e che interviene nell'aspetto dei segnali sul binario di corsa ( via libera) quando è verde, (via impedita) quando è rosso, e (via libera con avviso di via impedita al successivo segnale) quando è giallo.
Posso affermare con sicurezza due cose;
a) che c'è stata una squadra di lavoro non qualificata degli addetti all'armamento(infrastruttura del deviatoio) e della squadra degli impianti elettrici( impianti di sicurezza).
Rimane un. mistero come siano riusciti a far disporre i segnali a via libera(disposti dal DCO)-dirigente centrale operativo) che prima di dare il via libera al treno deve ricevere dal cantiere di lavoro i dispacci scritti su apposito registro cartaceo numerato con numeri progressivo e di saltuario di controllo che serve proprio per accertare chi dei due operatori ha commesso delle irregolarità od errori nella procedura.
Infine è certo che la verità salterà fuori controllando le" zone" che sono nastri che registrano tutte le operazioni seguite sugli impianti di sicurezza e i tempi(le ore e minuti e secondi ) in cui c'è stato l'intervento.
Adesso hanno individuato gli operai che hanno eseguito i lavori, ma non è stato detto se sono delle FS o ditta appaltatrice, in un caso e nell'altro faranno saltare subito i capi tecnici preposti, poi capi reparto d'esercizio e i responsabili della sicurezza del cantiere di Lavoro, poi si andrà a vedere (nel caso di impresa appaltatrice ) se essa ha operato in rispetto del Contratto d'appalto e dei Capitolati e Regolamenti :
Una bella gatta da pelare sia per il magistrato inquirente sia per il Servizio competente di Roma che certamente è già in opera sul posto per l'inchiesta interna.

Author — giuseppeluciano ferrero

Author

il famoso treno per la diagnostica di rete non ha registrato nulla di anomalo nè oggi nè tre anni fa a Pioltello? Il brevetto che è vanto mondiale di Trenitalia è un mezzo parheggiato a Milano, che promette di verificare ogni 7 giorni lo stato di percorribilità di tutti i binari italiani. E per entrare in servizio deve passare di lì per forza. Nè in questo caso nè tre anni fa ha notati anomalie di alcun genere sui binari di quel tratto.

Author — marco michele sp 1981

Author

Che paese tutto dai ponti a tunel autostrade la ferrovia fa Terzo

Author — Giulia Barbero